Novembre 27, 2020
contusione

Livido

La commozione cerebrale è una lesione causata dalla compressione con una sostanza contundente. Gli effetti di uno strumento smussato possono essere drastici; possono infatti verificarsi lievi contusioni o problemi più gravi (danni muscolari, vascolari, nervosi, ecc.).

Commozione cerebrale, gravità

Le commozioni cerebrali possono essere classificate in vari modi; se teniamo conto della gravità della lesione, le lesioni di I, II e III grado differiscono.

Nella contusione del I grado di sconfitta, si riferiscono solo a piccoli vasi; il sangue che esce da quest’ultimo si diffonde attraverso i tessuti; si osserva quindi la formazione di una ecchimosi o macchia, che inizialmente ha un colore bluastro e che cambia cromaticamente nel tempo, assumendo una colorazione tendente al giallo ocra.

I lividi sono solitamente accompagnati da dolore e da un aumento della temperatura locale. Il dolore di solito aumenta con il movimento e se si esercita una certa pressione sull’area che è stata ferita.

In caso di contusione di II grado, si osserva la formazione di ematoma o edema, causati dal fatto che si è verificata una rottura di un certo numero di vasi sanguigni; sono spesso presenti grumi che galleggiano al tatto.

In caso di contusione di terzo grado, la vitalità della pelle si deteriora, a causa di una notevole intensità di compressione. Di conseguenza, si forma la necrosi (cioè la morte di uno strato di cellule della pelle); inizialmente, la pelle colpita sarà di colore pallido e poi diventerà nerastra nel tempo.

La necrosi cutanea si traduce in realtà in una placca tissutale alterata (escara), che assume consistenza, diventa nera e invade il tessuto sottostante.

Nel tempo, l’escara cadrà, lasciando un’area di ulcerazione che guarisce spontaneamente, ma spesso lascia una cicatrice.

Tipi di lividi

I lividi possono essere di diversi tipi; un po ‘ruvidi ma efficaci, possiamo distinguerli a seconda della zona interessata. Pertanto, in questi casi si tratta di contusioni cutanee , contusioni muscolari contusioni tendinee , contusioni articolari e ossa ammaccate . Diamo una rapida occhiata a loro.

Contusioni cutanee . Si tratta di contusione cutanea quando la lesione colpisce lo strato più superficiale del corpo. Di solito sono associati a lacerazioni cutanee che possono essere più o meno profonde. A seconda della gravità, possono formarsi ematomi o ematomi. Se la contusione è dovuta a una rottura della pelle, è ovvio che la ferita deve essere prima pulita e disinfettata.

L’area interessata deve rimanere a riposo ed essere trattata con ghiaccio; questo riduce sia l’intensità del dolore che il volume dell’ematoma.

Lividi muscolari : hai contusioni muscolari quando sono coinvolti i muscoli e le parti molli che si trovano sotto la fascia muscolare. A seconda dell’intensità della lesione, anche il muscolo stesso può essere strappato. Il dolore è sempre presente, anche se la sua intensità può variare drasticamente; a seconda della gravità della lesione, di solito c’è una limitazione funzionale più o meno grave.

Con le contusioni muscolari, il dolore porta ad un atteggiamento anestetico (l’atteggiamento assunto dal meccanismo riflesso per alleviare il dolore); ad esempio, quando una contusione muscolare colpisce gli arti inferiori, il soggetto è soggetto a zoppia. La sconfitta è solitamente accompagnata dalla formazione di un ematoma. Gli ematomi che si formano dopo una contusione muscolare possono essere molto estesi e diffondersi lungo un’ampia porzione di gruppi muscolari. Il periodo di recupero è estremamente variabile e va da 2-3 giorni per contusioni minori a periodi di tempo molto più lunghi (oltre venti giorni).

Il trattamento richiede il riposo della parte interessata. da lesioni; Pertanto, le sollecitazioni funzionali dovrebbero essere evitate quando possibile. Sono utili la crioterapia e gli unguenti antinfiammatori. Una benda elastica può essere utile a seconda dei casi.

Lividi tendinei : possono interessare la guaina che copre il tendine (guaina tendinea) o il tendine stesso. Ovviamente, nel primo caso, si tratta di una tipologia di infortunio meno grave. Se il livido è particolarmente leggero, si verificano dolore e limitazioni funzionali non particolarmente importanti; se la lesione è più grave, una contusione tendinea può essere molto grave e, in casi estremi, una rottura.

Le contusioni senza rottura vengono trattate con riposo, crioterapia, bendaggi, tutori, pomate antinfiammatorie, ecc.

Lividi alle articolazioni . Quando le articolazioni sono colpite, si parla di contusione articolare . Questo tipo di contusione può portare a emartro o idrartrosi; nel primo caso, il versamento di sangue si verifica nella cavità articolare e nel secondo caso, il liquido sieroso si riversa nell’articolazione.

In alcuni casi, la contusione articolare è accompagnata da borsite reattiva.

Il trattamento per le articolazioni contuse si basa ovviamente sul resto della zona interessata e sulla crioterapia. Nei casi più gravi può essere necessaria l’immobilizzazione assoluta. Se il versamento dopo la contusione è di una certa importanza, può essere indicato l’artrocentesi, un piccolo intervento chirurgico per rimuovere il liquido in eccesso.

Lividi ossei: sono lividi molto dolorosi e possono causare danni (seguiti da infiammazione) del periostio o della membrana che circonda l’osso. Il trattamento richiede la crioterapia e il riposo come al solito.

contusione

Qualsiasi tipo di contusione, lieve o grave, deve essere sempre attentamente controllato per controllare il verificarsi di possibili infezioni. Segni e sintomi di infezione includono aumento di gonfiore e dolore, arrossamento, calore nella zona interessata e spesso febbre.

Se sospetti un processo infettivo, consulta immediatamente un medico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *