Ottobre 27, 2020

Il problema del doping statale

Le indagini sulle accuse storiche di doping diffuso in Cina continuano ad avanzare e potrebbero riflettersi nella situazione attuale del paese più popoloso del mondo.

Un’indagine è stata avviata dalla WADA, l’Agenzia mondiale antidoping, l’anno scorso dopo che l’ex medico della squadra olimpica cinese Xue Yinxian ha affermato che le medaglie vinte dal 1980 al 1990 sono il risultato di un programma di doping sistematico in tutti gli sport. che vengono praticati nel paese.

Xue, 79 anni, ha lasciato la Cina per due anni e ha presentato domanda di asilo politico in Germania, ha detto alla televisione tedesca che più di 10.000 giovani atleti di età pari o inferiore a 11 anni sono passati attraverso questo malvagio programma di doping sistematico.

Il direttore delle indagini della WADA Gunther Younger ha ammesso che la testimonianza di Xue, che non è stata resa immediatamente, è in gran parte inefficace, ma sarà certamente discussa alla prossima riunione della WADA prevista per il 16 maggio a Montreal: “Stiamo cercando di capire che possiamo farlo perché la retroattività massima imposta dalla legge è di 10 anni, e qui i fatti risalgono agli anni ’80 e ’90. Abbiamo alcune indicazioni su dove andare alla ricerca del futuro, ma in passato passeremo la palla al Comitato esecutivo che valuterà cosa fare con queste informazioni. Un’altra difficoltà è che Xue non ha mai visto il doping in prima persona, ma ha dovuto solo contenere le conseguenze dello stesso. Tuttavia, questa voce non è sufficiente come prova e quindi dobbiamo cercarne altre. »

Xue ha aggiunto che gli atleti cinesi positivi sono stati sottoposti a continui test finché non sono diventati negativi, quindi sono stati inviati a competizioni internazionali. Il segnale è stato codificato in “Nonna a casa – nonna a casa” ed è stato dato agli atleti quando non avevano più tracce di sostanze leganti nel loro corpo. Il rifiuto di assumere farmaci dopanti ha portato all’espulsione dalla squadra.

Nel febbraio dello scorso anno, una lettera scritta e firmata nel 1995 da Wang Junxia è tornata in superficie, un campione di 3000 e 10.000 metri e detentore del record mondiale, dove è stato autorizzato. L’uso del doping. In questa lettera alcuni passaggi sono molto forti: “Da molti anni siamo costretti a prendere grandi dosi di doping” e “non siamo animali”. Nel 1993, gli atleti cinesi hanno battuto 66 record nazionali e mondiali.

Nel 1994, 11 membri di una squadra cinese di nuoto e ciclismo che avevano vinto 15 medaglie d’oro ai Giochi asiatici di Hiroshima furono squalificati per essere risultati positivi agli steroidi anabolizzanti.

La Cina è tra i nove paesi attualmente sospesi dall’International Weightlifting Federation a causa di innumerevoli episodi di positività al doping. Comprende anche tre medaglie d’oro alle Olimpiadi di Pechino 2008.

Nel 2016, la WADA ha avviato un’altra indagine sulla presunta copertura di alcuni test antidoping positivi contro nuotatori cinesi.

L’anno scorso l’Agenzia cinese antidoping ha condotto 17.000 test per eliminare il doping dal gioco. Solo 132 test sono stati positivi, ma 55 di questi non hanno portato a sanzioni poiché il positivo era dovuto al fatto che il clenbuterolo è stato ingerito secondo l’agenzia cinese inavvertitamente a causa della carne contaminata.

L’indagine in Cina è una delle 10 attualmente attive dalla WADA. Ci sono molte voci e poche prove concrete del raggiungimento di una sanzione approssimativa, come nel caso della Russia, doping di stato, seguita da un divieto di massime competizioni mondiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *