Ottobre 28, 2020

Colica

I crampi sono contrazioni involontarie, transitorie e particolarmente dolorose che si verificano in determinati gruppi muscolari. Gli spasmi si verificano più spesso agli arti, ma possono anche interessare alcuni organi interni; è per questo motivo che il termine di solito si riferisce a qualsiasi dolore spasmodico (si può spesso sentire, ad esempio, crampi allo stomaco ).

Cause di convulsioni

Ci sono molte ragioni per le convulsioni (e non tutte sono note con certezza):

  • cattiva circolazione in un soggetto sano – le convulsioni di solito si verificano a riposo a causa della diminuzione della circolazione associata a una diminuzione della temperatura corporea. Anche condizioni climatiche sfavorevoli (temperature ambiente più basse) possono creare le migliori condizioni per le crisi, poiché influenzano la circolazione del soggetto.
  • Postura anormale in un soggetto sano – In questo caso, le convulsioni si verificano perché la normale circolazione è ostruita e questo provoca una contrazione muscolare anormale.
  • Cattiva circolazione sanguigna in una persona affetta da patologia vascolare – In questo caso, quando la circolazione alterata è dovuta a patologia vascolare (ad esempio, insufficienza venosa, insufficienza arteriosa, malattia vascolare periferica, sindrome di Raynaud, ecc.) ).
  • Lo squilibrio chimico del soggetto soffre di patologie – le convulsioni sono spesso uno degli effetti collaterali associati ai farmaci assunti per combattere alcune malattie; una categoria di farmaci che possono causare crampi sono i diuretici, ad esempio. Altri farmaci che possono causare il disturbo sono cimetidina, clofibrati, fenotiazina, litio, nifedipina, penicillamina, salbutamolo, statine e terbutalina.
  • Squilibrio chimico in un soggetto sano : un’eccessiva sudorazione può causare un cambiamento nell’ambiente di contrazione muscolare che reagisce in modo anomalo.
  • Affaticamento in un soggetto sano – L’affaticamento provoca cambiamenti biochimici che si traducono nell’incapacità dei muscoli di contrarsi correttamente.

Crampi notturni

di notte, perché di solito si verificano durante il riposo notturno. Per ulteriori informazioni su questo argomento, fare riferimento a un articolo specifico.

Crampi professionali

crampi occupazionali

Le crisi professionali ( anche occupazione ) sono disturbi che sono stati a lungo classificati in focali distonia (in passato erano invece considerate disturbi psicologici); Le distonia focale sono sindromi caratterizzate da contrazioni muscolari prolungate che causano torsioni, movimenti ripetitivi e / o posture anomale.

Stiamo parlando di crisi epilettiche professionali come di solito si verificano caso per caso. professionisti ricorrenti. Un classico esempio è il cosiddetto spasmo dello scriba , ma anche pianista, violinista, dattilografo, ecc. Sono noti per gli spasmi). Rappresentano una tipica manifestazione di danno derivante dalla costante ripetizione del movimento (viene utilizzata l’espressione anglosassone repetitive strain damage ).

Gli approcci terapeutici al problema erano di diversi tipi, dalle tecniche di rilassamento muscolare ai farmaci somministrati per via sistemica, per non parlare dell’uso delle cosiddette terapie non convenzionali . Nel complesso, i risultati sono stati spesso piuttosto deludenti. Ad esempio, nelle convulsioni di uno scriba, vengono attualmente utilizzati antinfiammatori e miorilassanti e il massaggio nei casi meno gravi, mentre nei casi più gravi la chirurgia è l’unica terapia che dà risultati concreti.

In alcuni casi, si ottengono buoni risultati con l’aiuto della terapia botulinica; l’inoculazione della tossina botulinica nel muscolo colpito, provocando una certa debolezza, anche se temporanea, lenisce i sintomi del problema. La terapia con tossina botulinica deve essere ripetuta dopo la ricomparsa dei sintomi. Di solito passano 3-4 mesi tra una somministrazione e l’altra. Il numero di sessioni varia a seconda del tipo di disturbo e della risposta del soggetto.

Crampi da calore

Sono definiti come crampi da calore quelli che si verificano durante lo sforzo fisico in condizioni particolarmente calde (temperatura> 38 ° C), umide e scarsamente ventilate.

I crampi da calore sono abbastanza comuni in alcune professioni, i casi tipici sono i lavoratori delle fonderie, i minatori, il personale della sala macchine, ecc.

I crampi da calore, caratterizzati da forti spasmi che colpiscono i muscoli striati – e spesso accompagnati da sudorazione profusa, affaticamento, midriasi (pupille dilatate) e polso debole – sono causati da un’eccessiva perdita di liquidi che viene reintegrata solo con acqua; La conseguenza di ciò è che c’è una relativa perdita di sodio e in alcuni casi anche di magnesio e potassio.

I crampi da calore sono anche chiamati sindrome (o malattia ) da Edsall .

Trattare i crampi dalla febbre è piuttosto semplice; per ottenere la remissione delle crisi, infatti, è sufficiente ricorrere a impacchi caldi e umidi (circa 41-43 ° C) e ingerire liquidi o alimenti contenenti cloruro di sodio.

Per coloro che sono più inclini a sviluppare convulsioni a scopo profilattico, a volte si consiglia di assumere compresse con cloruro di sodio. Tuttavia, l’uso di questi integratori non fornisce sollievo dagli effetti collaterali irritanti (irritazione dello stomaco e talvolta gonfiore) e quindi non dovrebbe essere incoraggiato.

Crampi e gravidanza

In alcune donne, i cosiddetti “sintomi di impianto” rappresentano i primi segni di gravidanza; questi sintomi sono di diversi tipi; tra le altre cose, alcune donne sperimentano spasmi che sono giustamente definiti come spasmi da impianto (anche spasmi da nidificazione o, ancora, crampi di attecchimento ).

I test sui crampi addominali durante la gravidanza possono essere normali, ma in alcuni casi possono essere un segno di gravi problemi; talvolta, infatti, rappresentano, in connessione con la perdita di sangue dalla vagina, sintomi di aborto spontaneo; in altri casi, sono segno di una gravidanza extrauterina o di un parto prematuro.

Altri tipi di crisi

Il termine crampo viene utilizzato anche per identificare patologie specifiche.

Un tipico esempio è il cosiddetto accessorio per i crampi ; terminologia che si riferisce al torcicollo spasmodico (anche distonia cervicale ), un disturbo neurologico che colpisce i muscoli del collo e provoca torsioni e rapidi movimenti della testa verso la spalla.

Un altro esempio è l’espressione convulsioni intermittenti , una frase che in alcuni casi si riferisce alla tetania.

Per sapere come crampi allo stomaco vedi l’articolo correlato.

Spasmi e sport di resistenza

crampi

I crampi non sono rari nelle persone che praticano sport, soprattutto tra i dilettanti (tuttavia, non è raro vedere episodi di convulsioni nei calciatori professionisti).

Le cause del problema negli atleti di resistenza sono principalmente indicate nelle ultime due elencate all’inizio dell’articolo (squilibrio chimico e stanchezza), e in particolare, contrariamente all’edizione generale, quest’ultima o la fatica. Il fatto che lo squilibrio chimico colpisca una piccola percentuale di atleti è supportato dal fatto che con la stessa sudorazione (ad esempio, una giornata molto calda e soffocante al sole), le convulsioni non si verificano a riposo; e questo accade, però, anche se si idrata e si sale il soggetto durante uno sforzo particolarmente pesante.

Nel trail running, il 90% dei crampi alle gambe è causato dalla fatica, il 5% da un’eccessiva sudorazione e il resto da altre cause, non ultimo lo stress psicologico.

È importante notare che quando parliamo di fatica, intendiamo lo standard medio dell’atleta in questione, non quello assoluto. Nel caso dei dilettanti, ciò significa uno sforzo esagerato rispetto al grado di insegnamento della materia.

Trattamento . Nelle persone sane, non esiste una cura per le convulsioni che si verificano più o meno. regolarmente con uno sforzo fisico prolungato. La ricorrenza del problema mostra chiaramente che non si tratta di uno squilibrio chimico associato alla traspirazione, perché in generale questo fenomeno si verifica anche in climi normali.

È del tutto inutile sovraccaricarsi di sali nella vana speranza che il crampo non si manifesti. È molto meglio adattare il tuo allenamento alla competizione che vuoi affrontare. Infatti, le convulsioni si verificano con una frequenza nettamente maggiore in soggetti non addestrati a distanza. Una generalizzazione del tipico soggetto che soffre continuamente di convulsioni nelle gare di resistenza è questa:

  • una persona che è in sovrappeso, con una faccia magra o prominente, o che
  • non addestrato a distanza, inteso come qualità / quantità.

Infatti il ​​sovrappeso provoca infortuni, che aumentano l’affaticamento muscolare e rendono ancora più evidenti le carenze dell’allenamento nel soggetto. In generale, un atleta che soffre di convulsioni durante l’allenamento non può eguagliare sessioni in cui sono presenti quantità e qualità (molto lunghe per una maratona), oppure sceglie distanze troppo brevi rispetto a una gara (es. 20-25 km). tranne che hai avuto crampi dopo aver completato la maratona di trenta chilometri) o scegliendo ritmi troppo morbidi con le giuste distanze (molto lungo lento, 20-30 pollici / km sopra il ritmo della gara), in conseguenza dei quali il muscolo non si allena per gestire un certo intensità per molto tempo e fallisce comunque.

Cramp è la spia del nostro allenamento a distanza, che corre alla velocità impostata. Invece di ingoiare tonnellate di sale, proviamo a fare esercizio meglio!

Per ulteriori informazioni, consulta il nostro articolo Crampi in una maratona .

Convulsioni e contratture . Ovviamente le convulsioni non vanno confuse con la contrattura, fenomeno associato anche all’affaticamento muscolare. La differenza principale è la reversibilità. La contrattura è irreversibile (guarisce) solo dopo pochi giorni, e per un attacco si parla di frazioni di un’ora. Purtroppo la confusione è piena anche di professionisti che consigliano lo stretching e lo stretching per i crampi (utili per evitare la contrattura) prima di un evento sportivo. Certo, è difficile attribuire i crampi che si verificano dopo due ore di corsa dopo che non si sono riscaldati!

Cosa fare – è necessario massaggiare la parte dolorante, scaldandola (senza ghiaccio, questa è già una differenza fondamentale con le contratture, quindi è fondamentale una diagnosi che si possa fare banalmente in base al dolore: in caso di contrattura il soggetto è soggetto a riposo non sente dolore, al massimo lieve fastidio, mentre in caso di spasmo, anche se interrotto, il gesto sportivo è molto forte) e cerca di allungare il muscolo contratto.

In caso di crampi al polpaccio (tra i più comuni), è sufficiente sdraiarsi a terra con la gamba distesa e afferrare la punta dei piedi tirandoli verso di sé; se è un’anca, usa l’operatore per sollevare la gamba e abbassare il ginocchio. Le manovre dovrebbero essere eseguite con una certa cautela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *