Ottobre 27, 2020

Correre: il dolore di un principiante

Il principiante che si avvicina a una gara spesso sperimenta una serie di dolori non del tutto bloccanti ma molto fastidiosi. Non solo è il classico dolore muscolare da rabdomiolisi, tipico di chi fa uno sforzo a cui non è abituato (dolore che colpisce anche gli atleti ben allenati che, ad esempio, si trovano ad affrontare una gara in collina, allenandosi sempre su una superficie piana), ma inoltre dolori alle articolazioni, ai tendini, anche alle volte ossee, che fanno temere all’aspirante corridore di aver subito un grave incidente.

Il motivo di questi dolori, infatti, è l’adattamento del corpo a un nuovo gesto sportivo; si noti che questi dolori sono presenti anche negli atleti che praticano altri sport e quindi vanno considerati un adattamento meccanico piuttosto che fisiologico in generale.

Ci sono condizioni che certamente contribuiscono all’insorgenza del “dolore” e sono fondamentalmente due:

  • Sovrappeso mancanza di gradualità (vuoi bruciare le fasi) Se la seconda è risolvibile con un po ‘di buon senso, la prima condizione può essere gestita con la strategia del dolore generale del principiante, ma sarebbe anche auspicabile combinare una strategia nutrizionale per accelerare il ritorno al corretto peso ( ricorda che correre può farti dimagrire, ma senza un’alimentazione corretta ed equilibrata sarà quasi impossibile superare completamente l’eccesso di peso a meno che tu non diventi una maratona di 100 km a settimana).

L’articolo presume che l’oggetto sia:

  • ha scelto le scarpe giuste
  • correre sul terreno non è difficile
  • segui una formazione passo passo simile a quella del programma per iniziare.

In generale, il dolore del principiante si manifesta dopo l’allenamento e dura fino al successivo per farti sentire toccato all’inizio. In altri casi, compaiono verso la fine, quando il soggetto si stanca e il movimento della corsa non è più fluido.

Non sono certo un dolore per un principiante se sono nati pochi minuti dopo la partenza e sono stati assenti all’inizio e nell’intervallo tra due allenamenti. In questo caso, potrebbe trattarsi di un piccolo inconveniente attribuibile a lesioni reali (ad esempio, una contrattura minore).

Il dolore di un principiante non è dolore dopo una corsa, che scompare rapidamente (ad esempio, durante il giorno) e non influisce sull’allenamento successivo: è una riparazione naturale del danno causato dalla corsa a un organismo che non è ancora del tutto abituato.

Diagnosi differenziale

dolori del principiante

Fino ad ora hanno sempre parlato di dolore. Sfortunatamente, molti principianti hanno una tolleranza al dolore molto bassa e spesso confondono il problema con il dolore. Come possono essere oggettivamente distinti?

Da un punto di vista tecnico il disagio non riduce di molto le prestazioni e non si manifesta costantemente durante l’allenamento (inconveniente classico che scompare pochi minuti dopo l’inizio); purtroppo il concetto di “non punire la prestazione” non è chiaro ad un principiante, per il quale si può intraprendere una strada diversa: l’inconveniente può essere classificato come fastidio se durante l’allenamento successivo (dovrebbe esserci almeno un ) ritorna in misura minore e ti consente comunque di correre senza l’attenzione del corridore.

Una volta convinti che si tratti di dolore, è chiaro che la seconda cosa da capire è il dolore di stabilirsi (il dolore di un principiante) o il trauma reale. Il modo più semplice per farlo è prestare attenzione al tempo: il dolore di un principiante scompare entro 2-4 giorni, e quindi basta riposare per capire qualcosa. Se il dolore dura più di una settimana, è sicuramente un infortunio.

Strategia

La strategia più semplice è smettere di correre fino a quando il dolore non sarà completamente scomparso . Tuttavia, come abbiamo detto, il dolore può ripresentarsi dopo ogni allenamento, quindi spesso c’è il rischio di correre solo ogni 4 o 5 giorni con questa strategia rudimentale, che allunga notevolmente il periodo di accelerazione.

La strategia migliore è quella di correre, convivere con il dolore del principiante , avendo un avvertimento per diradare gli allenamenti con l’unico scopo di evitare un aumento del dolore tra gli allenamenti: l’obiettivo è lasciarlo inalterato, quindi trasformarlo in un fastidio come solo inizierà a diminuire da un allenamento all’altro.

Questa seconda strategia è un po ‘pericolosa perché ogni corridore dovrebbe sapere che non dovresti correre a causa del dolore, ma per un principiante. (in caso di dolore adattivo) questo è consentito per un periodo che può durare al massimo un mese. Tuttavia, è ovviamente consigliabile ridurre gli allenamenti a un massimo di 3 a settimana.

Se il dolore rimane invariato alla fine del ciclo, puoi considerare l’ipotesi del trauma o indagare su altre cause.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *