Novembre 27, 2020
dito a martello

Dito a martello (dito a martello)

Il

dito a martello (noto anche come dito a martello , dito a martello o, meno comunemente, lesione di Segonda-Bush ) è una deformità quando la fine articolazione interfalangea, in cui la punta delle pieghe delle dita rende impossibile la completa estensione.

La deformità colpisce più comunemente l’indice o il medio ed è solitamente associata a una lesione al tendine che allunga la terza falange; il tendine può allungarsi o addirittura rompersi; quindi, la punta delle dita dei piedi colpite rimane in flessione ed è praticamente impossibile estenderla completamente.

La punta di un martello non può essere considerata una lesione particolarmente grave, ma è bene chiarire che non dovrebbe essere trascurata in quanto ritarderebbe la guarigione e può rendere il processo di guarigione piuttosto lungo e difficile, e nel peggiore dei casi causare anche danni funzionali permanenti.

Scorrimento con il dito: motivi

La causa alla base del dito a martello è la flessione forzata dell’articolazione interfalangea terminale (o distale , se preferisci); questa flessione può causare danni al tendine (ad esempio, una distorsione o, peggio, una rottura) o la frattura della parte dell’osso in cui è inserito il tendine specificato.

La flessione che causa danni al tendine o La frattura ossea può essere associata a una varietà di circostanze (incidenti domestici, infortuni sul lavoro, infortuni sportivi); Per quanto riguarda lo sport, ricorda che i calci a martello sono comuni nei portieri di baseball, softball, pallavolo, basket e calcio.

Nella pratica clinica, l’alluce è una lesione comune che colpisce allo stesso modo uomini e donne; anche i bambini non sono immuni a questo tipo di infortuni, soprattutto in età scolare quando i giochi e gli sport diventano più impegnativi.

Dito a martello: segni e sintomi

La sintomatologia del dito a martello è caratterizzata principalmente da dolore (soprattutto quando si cerca di fare uno sforzo), gonfiore e difficoltà o addirittura incapacità di estendere completamente la punta.

Diagnostica

La diagnosi del dito a martello è estremamente semplice; infatti è sufficiente un semplice esame clinico. Tuttavia, di regola, nonostante l’affidabilità della diagnosi, c’è la tendenza a richiedere un esame radiografico; è infatti opportuno valutare l’eventuale presenza di frammenti ossei che potrebbero essersi staccati nelle immediate vicinanze dell’inserzione del tendine, soprattutto se la lesione che ha causato il dito del piede era particolarmente grave.

Impact Finger: Heal

La prima cosa da fare in caso di un simile incidente è immobilizzare la parte interessata e recarsi al pronto soccorso, dove verranno effettuati tutti i controlli. È necessario valutare la gravità della lesione.

L’approccio terapeutico al dito a martello dipende ovviamente dall’entità della lesione. In caso di distorsione o rottura di un tendine si interviene prima con la crioterapia (cioè utilizzando il ghiaccio) per ridurre il gonfiore, dopodiché si interverrà con una stecca (tutore) o una stecca di plastica o alluminio che serve a mantenere il dito ferito in posizione diritta e con l’ultima falange più allungata; la stecca deve essere posizionata in modo da mantenere il dito nella posizione corretta senza interrompere il flusso sanguigno; In poche parole: non dovrebbe essere né troppo largo né troppo stretto.

dito a martello

Il Custode deve essere mantenuto permanentemente; può essere rimosso solo per pratiche igieniche quotidiane. Nel caso in cui il tendine si stia solo allungando, il tempo di guarigione dovrebbe essere di circa 30-45 giorni; nel caso in cui il tendine sia lacerato o vi sia un leggero distacco osseo, il tutore deve essere indossato per almeno 45-60 giorni; dopo questo periodo, il medico potrebbe consigliarti di indossare il tutore per un altro mese durante il riposo notturno.

Come accennato nella prima parte di questo articolo, è importante iniziare il trattamento il prima possibile perché un intervento chirurgico ritardato può aumentare leggermente il tempo di guarigione.

Il dito di Mallet provoca dolore più o meno intenso; I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come l’ibuprofene (il principio attivo di un farmaco noto) o il naprossene (il principio attivo di Sinflex) e gli impacchi di ghiaccio possono essere utili nella fase acuta. p>

In caso di rottura del tendine o grave distacco osseo , potrebbe essere necessario ricorrere alla chirurgia o al cosiddetto trattamento di Kirschner (allungamento del blocco con fili di Kirschner); è l’immobilizzazione che dura quattro settimane; questa procedura viene utilizzata negli incidenti recenti; nel caso di lesioni più vecchie (quando, ad esempio, la terapia conservativa non ha dato i risultati attesi), il dito viene immobilizzato allo stesso modo, ma solo dopo la sutura chirurgica del tendine; se si trova un frammento di osso piuttosto voluminoso, la frattura può essere stabilizzata con fili metallici.

Il tempo di guarigione dipende dalla gravità della lesione e dalla velocità con cui è stata eseguita.

Di solito sono necessari dai 45 ai 70 giorni per guarire, anche se potrebbero essere necessari diversi mesi prima che la parte danneggiata funzioni completamente.

È possibile che il dito rimanga leggermente inclinato alla fine del trattamento; tuttavia, questa diminuzione non interrompe mai le normali attività quotidiane o lavorative.

Anche dopo il recupero, coloro che sono coinvolti in sport a rischio dovrebbero indossare un tutore protettivo durante l’esercizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *