Novembre 27, 2020

Distrazione muscolare

La distrazione muscolare è una lesione muscolare che preoccupa particolarmente un atleta.

Prima di andare in onda, tuttavia, è opportuno fare una breve premessa terminologica, poiché non tutti gli autori concordano su definizioni diverse di danno muscolare.

Ad esempio, molti credono che la distrazione muscolare sia sinonimo di strappo muscolare , ma nel primo caso la distruzione delle fibre dell’intero muscolo non avviene mai (la percentuale di distruzione delle fibre è inferiore al 50%) e, quindi, questo danno è importante. ma sicuramente meno grave di un vero strappo muscolare.

Per questo motivo, invece di usare termini piuttosto confusi come distrazione , strappare , allungare , strappare ecc., sarebbe preferibile indicare il danno muscolare con rottura delle fibre semplicemente indicando il grado: primo, secondo o terzo grado a seconda del numero di fibre coinvolte.

Nelle lesioni di primo grado, il danno è localizzato sulle fibrille e sui filamenti senza perdita di continuità muscolare; nelle persone di secondo grado, un certo numero di fibre muscolari viene interrotto senza il coinvolgimento di una parte dell’addome muscolare macroscopicamente riconoscibile; nel terzo grado – una rottura di gran parte dell’addome muscolare con una decisione di successione clinicamente evidente.

La suddivisione del grado di danno muscolare di un certo grado di gravità spiega perché gli ultrasuoni non sono sempre in grado di “vederli”. Con contratture e allungamenti è certamente negativo, ma può essere negativo anche con deviazioni di primo e secondo grado, soprattutto se non c’è flusso sanguigno evidente.

Le lesioni da distrazione muscolare si verificano quando lo stretching eccessivo combinato con l’attivazione muscolare durante la contrazione improvvisa supera la resistenza meccanica delle fibre, allungandole.

Il sito di lesione più comune è la giunzione miotendina caratterizzato da emorragia, edema e infiammazione.

La gravità della lesione muscolare non è correlata al dolore provato, ma si basa sul numero di fibre muscolari coinvolte. la quantità di tessuto connettivo coinvolto, il grado di stravaso di sangue causato dalla distruzione delle fibre e del tessuto connettivo di supporto, il sito di stravaso, la diastasi (separazione) tra le fibre muscolari e il grado di danno neurologico associato.

Da un punto di vista pratico, il punteggio dell’ematoma è un parametro riassuntivo molto affidabile sia per la diagnosi che per il trattamento e la riabilitazione. Non sorprende che questo possa essere utile per il drenaggio del sangue guidato da ultrasuoni per evitare la sua possibile organizzazione con lo sviluppo di miosite ossificante limitata.

Se l’ematoma è intramuscolare, la sua posizione (fascia) consente una rapida evacuazione per gravità, lieve infiammazione e fibrosi a scarsa adesione. Se invece è intermuscolare, poiché è profondo e intrappolato tra le fibre muscolari, è difficile da evacuare e può causare importanti infiammazioni con formazione di tessuto cicatriziale.

Il recupero precoce inizia dopo tre giorni, mentre da 7 a 14 giorni prevale l’equilibrio tra rigenerazione e recupero della fibrosi. Dopo solo due settimane, la riparazione vera e propria inizia con il successivo ripristino delle forze. Per questo motivo

qualsiasi attività fisica entro 14 giorni da una distrazione muscolare è il modo migliore per farti male!

Se pensi che ci siano dilettanti che hanno gareggiato con distrazioni muscolari persistenti, puoi capire come e perché certe distrazioni muscolari possono durare per mesi e causare danni permanenti.

In generale, quando il dolore è sostituito da una tensione dolorosa in estensione, la fase di riparazione è in pieno svolgimento, ma è ovvio che non è guarita!

Distrazione muscolare: complicazioni

Se questa sensazione persiste, è probabile che la distrazione si sviluppi in fibrosi, che deve essere trattata il prima possibile; si noti che i processi fibrosi e cicatriziali possono essere visti negli ultrasuoni come aree iperecogene (il termine ultrasuoni, che si riferisce all’area che più riflette gli ultrasuoni e, quindi, più chiara), irregolari, con contorni irregolari. La fibrosi è di gran lunga la complicanza più comune (cisti, calcificazioni e miosite sono più rare e solitamente dovute a un trattamento inappropriato), ei casi più gravi sono causati da:

  • Mancato riposo nelle prime due settimane di infortunio
  • trasferimento di sangue non minimo (visto dagli ultrasuoni immediatamente dopo l’infortunio)
  • Terapia di attacco inappropriata (ad es. massaggio nei primi giorni).

Come trattare la distrazione muscolare

Fondamentalmente, il trattamento della distrazione muscolare consiste in due fasi: arresto e riqualificazione.

distrazione muscolare Stop . Questo può richiedere da 2 a 4 settimane prima di superare il “test della scala” (il test è superato quando puoi salire e scendere le scale senza provare alcun disagio).

L’intervento immediato consiste nella compressione con ghiaccio e, nei casi più gravi, nell’elevazione dell’arto per avere il minor trasferimento di sangue possibile (equivalente a minore infiammazione e minore evoluzione fibrotica). Occorre quindi applicare il metodo Stop & Go : riposo assoluto, possibilmente con alcuni giorni di FANS; se la deambulazione e le normali attività sono consentite in assenza di dolore, qualsiasi attività fisica di supporto dovrebbe essere evitata (senza la guida di un terapista esperto, il danno è più probabile del potenziale beneficio di stimolare eventi rigenerativi).

Dopo la prima settimana è possibile utilizzare forme di termoterapia endogena; Dimostrata Tecarterapia, ma i miracoli non accadono; L’ecografia è spesso sopravvalutata. Dopo 7-10 giorni si può utilizzare un allungamento molto controllato; il massaggio e la fibrolisi non sono consigliati.

Fase di rieducazione . A seconda del grado di distrazione muscolare, dalla terza settimana possono essere introdotti esercizi per ripristinare forza, contrattilità e sensibilità. propriocettivo. In assenza di dolore, puoi praticare uno sport alternativo non traumatico (ciclismo, nuoto).

Il massaggio è indicato, ma va eseguito solo da personale altamente qualificato, in mancanza del quale si consiglia di non utilizzarlo. Non dovrebbero far male comunque.

L’obiettivo della terapia in questa fase è riportare il muscolo a condizioni preesistenti ed evitare ricadute e escrescenze fibrose; quest’ultimo dovrebbe essere trattato con fibrolisi il più rapidamente possibile. La fibrolisi va eseguita solo dopo il consolidamento delle strutture e solo dopo che l’ecografia di controllo ha confermato la presenza di una cicatrice fibrosa.

Sono attualmente in corso molte ricerche per trovare una soluzione terapeutica in termini di tempi molto più gestibili rispetto ai trattamenti oggi disponibili (da 30 giorni per distrazioni meno gravi a quattro mesi per distrazioni di terzo grado), ma attualmente gestire in modo intelligente la distrazione rimane l’unico modo per minimizzarne gli effetti.

Prenditi una pausa da … distrazioni

Molti atleti dilettanti allungano i tempi di recupero della distrazione muscolare perché non accettano sport ricreativi, enfatizzando eccessivamente i traumi negli sport alternativi o nei test continui. Molti lo fanno anche per “non perdere il loro spirito combattivo”.

Il fatto è che sport alternativi, ring training, ecc. possono mantenere uno stato di forma, ho grandi dubbi, sia per esperienza diretta che indiretta. Se un atleta dilettante riposa per 30 giorni, ha bisogno solo di 60 giorni per tornare, come prima. Cosa ha fretta di “mantenersi in forma”?

Supponendo che sia necessario uno sport alternativo, tornerà alla massima forma, diciamo 45 giorni. Vale la pena, alla fine, vincere 15 giorni, rischiare che l’infortunio duri due o tre volte? Gli sport alternativi possono essere applicati ai professionisti (che, tra le altre cose, sono supervisionati personalmente dall’equipe medica), dove la guarigione in sette giorni significa che un appuntamento molto importante potrebbe non essere mancato.

La moralità, beh, il morale non può dipendere dalla corsa. Quando sono stato fermato a causa di un infortunio, molte persone mi hanno chiesto “ero nervoso”. All’inizio ho risposto che stavo “giocando a scacchi o facendo qualcos’altro”, sottolineando il fatto che non puoi essere dipendente da un oggetto d’amore. Ma hanno insistito: “Ma giocare a scacchi non è qualcosa di fisico!” Ho poi ricordato loro la storia del colonnello George Hall, che ha trascorso più di cinque anni in prigione in Vietnam in una cella di 2 x 2,5 me ha mantenuto il suo equilibrio mentale facendo mentalmente almeno un turno di campo al giorno, il suo sport preferito. … , golf. Chi ha avuto un incidente nella cella di George Hall durerà una settimana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *