Novembre 27, 2020
lesione dei legamenti crociati

Legamenti crociati (lesioni)

Le lesioni del crociato (più precisamente i legamenti crociati ) è un evento particolarmente grave che colpisce soprattutto coloro che sono coinvolti in determinati sport. Per i dettagli anatomici, vedere l’ultimo paragrafo ( Cos’è il legamento crociato ); qui diciamo semplicemente che si tratta di due legamenti che, insieme ai due legamenti collaterali (mediale e laterale), svolgono la principale funzione stabilizzante del ginocchio.

Le lesioni che interessano i legamenti crociati dovrebbero essere seguite più da vicino dagli sport.

Il legamento crociato più comunemente colpito da lesioni è il legamento anteriore (LCA). Molto spesso, le lesioni al legamento crociato posteriore (LCP) sono il risultato di incidenti stradali.

Legamenti crociati: sport in pericolo

Come sapete, il rischio di lesioni è insito in qualsiasi pratica sportiva; l’affermazione che alcuni sport sono più rischiosi di altri e, naturalmente, a seconda dello sport, alcune articolazioni sono più a rischio di lesioni; Anche un giocatore di golf o di bocce è a rischio, ma non c’è dubbio che un giocatore di football o di rugby, dilettante o professionista, ha maggiori probabilità di essere infortunato.

A chi Per le lesioni ai legamenti crociati (specialmente il legamento crociato anteriore), gli sport più rischiosi sono senza ombra di dubbio lo sci, il calcio, il football americano, il rugby, la pallavolo e il basket.

Lesioni ai legamenti crociati: cause

Le lesioni al legamento crociato possono essere causate da traumi diretti tipici degli sport di contatto o da traumi indiretti (come nello sci).

Le lesioni da trauma diretto sono solitamente causate da movimenti di rotazione in valgo esterno o oscillazioni forzate del ginocchio.

Le lesioni indirette possono derivare da rotazione esterna in valgo, rotazione interna in varo, iperestensione o forte contrazione del muscolo quadricipite quando il ginocchio è flesso.

Lesione del legamento crociato: segni e sintomi

lesione dei legamenti crociati Nella fase acuta del trauma (entro una settimana dal trauma), il soggetto di solito avverte un soffio sordo causato da un legamento rotto. Questo di solito è accompagnato da un dolore molto intenso e una sensazione di debolezza al ginocchio. È ovvio che l’intensità del dolore è dovuta alla possibile presenza di altri tipi di lesioni concomitanti. Molto spesso, entro poche ore dall’evento traumatico, si verifica formazione all’interno dell’articolazione, solitamente sangue, a causa della rottura di un vaso che passa all’interno del legamento; il ginocchio di solito sembra essere gonfio e il soggetto avverte dolore sia durante la mobilizzazione che durante lo sforzo.

Il soggetto riacquista la maggior parte della funzione articolare una volta risolti i sintomi della fase acuta, assumendo che non sia presente alcuna lesione concomitante; tuttavia, il disagio della debolezza e dell’instabilità articolare, a volte associato al dolore, interferisce con lo sport o altre attività, soprattutto se si tratta di attività che includono improvvisi cambi di direzione o corsa su terreni non ottimali.

L’esercizio fisico continuato a seguito di una sottostima dei sintomi può portare a frequenti distorsioni articolari, che possono portare all’osteoartrosi a lungo termine. Inoltre, è molto comune che una rottura del legamento crociato danneggi il menisco.

Lesione del legamento crociato anteriore: diagnosi

La diagnosi di rottura del legamento crociato anteriore può già essere effettuata sulla base di un esame clinico condotto da uno specialista. Dopo aver valutato le condizioni dell’evento traumatico, verificheranno il grado di instabilità articolare, l’eventuale presenza di sangue o versamento sinoviale, la localizzazione dei punti dolenti e l’eventuale presenza di segni che suggeriscono lesioni nel menisco associato.

La richiesta di raggi X serve essenzialmente per escludere la presenza di danni di tipo osseo. Sarà invece utilizzata la risonanza magnetica nucleare per valutare sia l’entità del danno legamentoso che la presenza di lesioni del menisco e / o della cartilagine. È buona norma eseguire la risonanza magnetica immediatamente dopo la lesione, quando non è ancora presente gonfiore articolare o quando tale gonfiore scompare; altrimenti rischi di ottenere immagini non particolarmente significative.

Lesione del legamento crociato posteriore: diagnosi

La diagnosi di una rottura del legamento crociato posteriore è generalmente più difficile della diagnosi di un legamento crociato anteriore; infatti, è molto comune che i soggetti che soffrono di lesioni del legamento crociato posteriore provino dolore lieve e versamento limitato. Se vi è il sospetto di una lesione di questo legamento, è necessario aggiungere all’esame clinico la risonanza magnetica nucleare e / o i raggi X sotto stress; quest’ultimo tipo di esame valuta la debolezza indotta dal trauma. I raggi X escludono anche la possibilità di una frattura.

Come trattare le lesioni ai legamenti crociati

Le lesioni del legamento crociato possono essere trattate in modo diverso a seconda del legamento coinvolto e della gravità della lesione.

Le lesioni del legamento crociato posteriore di bassa gravità vengono solitamente trattate non sanguinolente o con un bendaggio semirigido per circa 3 settimane, seguite da un programma di riabilitazione basato su esercizi articolari e riparazione del muscolo quadricipite. Il ritorno allo sport avviene solitamente entro un mese. Lesioni più gravi possono comportare l’uso di un’immobilizzazione del ginocchio completamente elasticizzata per due o quattro settimane. Esiste anche un programma di riabilitazione per questo tipo di infortunio basato su esercizi articolari e rafforzamento dei muscoli del quadricipite. Raramente, nel caso di una lesione crociato posteriore, l’uso di metodi chirurgici.

In caso di lesione del legamento crociato anteriore, il primo approccio è conservativo; nella fase acuta si provvederà a ridurre i sintomi dolorosi e il gonfiore articolare, sia con farmaci antinfiammatori che con crioterapia e riposo. Se il gonfiore è evidente, può essere indicata l’aspirazione del liquido articolare. Dopo la fase acuta, dovrebbe essere avviato un programma di riabilitazione intensivo per ripristinare la stabilità del ginocchio.

Che ne dici di un’operazione?

Il trattamento non chirurgico delle lesioni del legamento crociato anteriore (ovvero la completa astinenza dallo sport o dal lavoro ad alto impatto, fisioterapia propriocettiva e trattamenti di rafforzamento muscolare) può essere considerato in soggetti con limitate esigenze funzionali.

La situazione è diversa negli argomenti sportivi o in coloro che svolgono attività professionali altamente efficaci. In questi casi, la chirurgia tende a ripristinare la normale funzione del ginocchio senza ricadere.

È improbabile che gli atleti professionisti (ma anche quelli semi-professionisti) tornino ai livelli di prestazione precedenti. danni al crociato, a condizione che non sia in fase di ricostruzione. Va ricordato che le lesioni LCA intrasustanziali non possono essere riparate o suturate ed è necessario procedere con il restauro del legamento con l’altro tendine; i tendini più comunemente usati sono il tendine della rotula, i tendini del muscolo gracile e semitendinoso o il tendine del donatore. La scelta dipende da diversi fattori (età del soggetto, sport o professione, ecc.) E il chirurgo ortopedico deve suggerire la soluzione più appropriata per il paziente.

Nel caso in cui si scelga di utilizzare il tendine rotuleo o i tendini fragili e semitendini, il campionamento verrà effettuato attraverso l’incisione anteriore del ginocchio. Fatta eccezione per la procedura di cancellazione, il resto dell’operazione viene eseguita in artroscopia.

Ovviamente sarà necessario programmare un periodo di riabilitazione intensiva dopo l’intervento chirurgico per garantire un recupero ottimale della funzionalità. solidale. Lo sport dovrebbe essere ripreso solo dopo che le articolazioni e i muscoli si sono completamente ripresi.

Per informazioni più generali, consulta i nostri articoli Test del ginocchio e Artroscopia L .

Che cosa sono i legamenti crociati

Il ginocchio è una connessione molto complessa in termini di aspetto anatomico e funzionale. Sebbene sia un’articolazione con un ampio range di movimento, ha anche un’ottima stabilità La funzione di stabilizzazione dell’articolazione del ginocchio è garantita principalmente dalla presenza di quattro legamenti: legamenti collaterali (mediale e laterale) e legamenti crociati (legamento crociato anteriore, ACL e legamento crociato posteriore, LCP). I legamenti crociati sono due forti fasci fibrosi che si intersecano al centro dell’articolazione per formare una X. La funzione principale dei legamenti crociati è quella di fornire stabilità antero-posteriore: il legamento crociato anteriore impedisce la traslazione anteriore della tibia dal femore, mentre il legamento crociato posteriore impedisce quella anteriore traslazione del femore dalla tibia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *